Per gli uomini l’orgasmo è ben visibile grazie allo schizzo di sperma, mentre per la donna è una situazione un pò diversa, si capisce che sta raggiungendo l’apice del piacere dagli spasmi del corpo e dai suoi gemiti che lasciano meno tracce visibili.

Anche una donna, però, può schizzare raggiungendo l’orgasmo vaginale, questa situazione si chiama squirting e si ottiene stimolando ripetutamente e forte il punto G, che si trova a pochi cm dall’inizio della cavità vaginale.

La sua stimolazione continua provoca la sensazione di voler urinare, se non ci si trattiene si hanno schizzi di liquido espulso con violenza a getti, mentre se avviene con minor forza, viene chiamato gushing.

Come far squirtare una donna

Bisogna trovare il muscolo collocato intorno alla parte dell’uretra all’interno della vagina e massaggiare con due o tre dita, ripetere sempre fin quando non si sente lo stimolo di dover far pipì, questo è il segno che la donna è pronta.

Si mette un altro dito sotto la parte dell’uretra che si trova esternamente e si masturba velocemente, quando la donna sente di essere vicina all’orgasmo deve spingere fuori la parte dell’uretra come se volesse far pipì.

In questo modo si avrà un forte spruzzo o getto  e l’orgasmo sarà appagante sia per lei che per lui.