Utilizzare il linguaggio del corpo per sedurre

Utilizzare il linguaggio del corpo per sedurre

Linguaggio del corpo, questo sconosciuto. Eppure a pensarci bene, così sconosciuto non dovrebbe essere visto che ognuno di noi ne ha uno da sempre, solo che spesso non c’è ne accorgiamo o non ci facciamo caso. Gli inglesi lo chiamano “body language“. Anche il nostro corpo ha un suo linguaggio, che può essere utilizzato nella seduzione, perché comunica qualcosa anch’esso (la cosiddetta comunicazione non-verbale),  accompagnando le parole, spesso anche da solo.
La postura, i movimenti, lo sguardo, il modo di camminare, sono alcuni dei segnali di un linguaggio del corpo i quali rivelano ulteriori caratteristiche del nostro modo di essere e di comunicare con gli altri ed è evidente che ognuno di noi ha un proprio linguaggio del corpo.

http://stellissimo.net/wp-content/uploads/2014/05/linguaggio-del-corpo-seduzione.jpg

Il linguaggio del corpo è spesso “involontario”, nel senso che è oramai è talmente innato in noi che lo usiamo spontaneamente senza rendercene conto, ma tante altre volte invece decidiamo di usare un linguaggio del corpo specifico per un determinato fine, come per esempio farebbe un politico durante un suo discorso pubblico, oppure come faremmo in tanti durante il “corteggiamento” amoroso, quando intendiamo cioè sedurre qualcuno. E se la seduzione è un’arte (e togliamo l’ipotetico se), il linguaggio del corpo ne fa pienamente parte.
Lo sguardo, il sorriso, il tono di voce, i movimenti, sono alcuni dei modi per stabilire un contatto con l’altro.

Non a caso, è stato rivelato da alcuni studi che nella comunicazione fra due persone (che si vedono magari per la prima volta) nelle vesti di un mittente che parla e di un destinatario che ascolta, quest’ultimo, prima di decodificare il contenuto verbale di quanto gli viene detto dal mittente, in realtà è già colpito (in positivo o in negativo), cioè presta maggior attenzione ad altri “segnali” del mittente, appunto quelli della comunicazione non verbale. E pensare che anche il modo di vestirsi è un segnale della comunicazione non verbale da non sottovalutare – d’altronde, non sapevate ancora che il nostro modo di vestirci comunica qualcosa in più su di noi?
Figuriamoci allora l’importanza che dovremmo riservare nel curare la comunicazione non verbale quando intendiamo affascinare, sedurre qualcuno, e ci si trova ad esempio al primo appuntamento.

Sarebbe nell’interesse di entrambi realizzare una comunicazione efficiente, non solo quella verbale, ma anche e soprattutto quella non verbale. Sebbene, come detto sopra, spesso il nostro linguaggio non verbale sia spontaneo e “fuori controllo” dai comandi che arrivano direttamente dalla nostra mente, sarebbe bene cercare almeno di “affinare” certi movimenti poco eleganti che magari spesso compiamo nella nostra vita di tutti i giorni.
La donna, per esempio, dovrebbe adottare una voce delicata anche se sicura, un movimento leggero e coordinato delle gambe, uno sguardo a volte complice e a volte malizioso; a volte diretto negli occhi di lui, a volte abbassato, come a sottolineare un po’ di timidezza (che agli uomini piace parecchio, visto che loro, da bravi cacciatori, vorrebbero sempre avere il controllo della situazione).

L’uomo, invece, dovrebbe avere un comportamento che sia al tempo stesso forte, dolce e sicuro, nell’uso della voce, delle mani, dello sguardo e persino nella postura. Dovrebbe dare di sé un’immagine rassicurante e protettiva, quella che le donne cercano in un uomo.
Consigli a parte (ce ne sarebbero ancora tanti altri), una buona comunicazione non verbale spesso può diventare l’arma decisiva nel far traboccare il vaso, ovvero scatenare l’attrazione. Uomo e donna avvisati, forse diventeranno innamorati.

Contatta gente che vuole trombare e che ha letto l'articolo : Utilizzare il linguaggio del corpo per sedurre

Pin It on Pinterest

Share This